Documenti collegati

Atti

Scheda tecnica

Definizione del processo di aggiornamento della relazione di corrispondenza tra utente del bilanciamento e punto di riconsegna della rete di distribuzione

Delibera 155/2019/R/gas

17 aprile 2019

Con la delibera 155/2019/R/gas, l'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA) definisce, nell'ambito del Sistema Informativo Integrato (SII), le modalità operative di esecuzione del processo di aggiornamento della relazione di corrispondenza tra utente del bilanciamento (UdB) e punto di riconsegna (PdR) presente nel contratto di distribuzione di un utente della distribuzione (UdD).

In particolare, la delibera 155/2019/R/gas (che segue i documenti di consultazione 570/2016/R/gas, 544/2017/R/com, 590/2017/R/gas e 114/2018/R/gas) prevede che:

  • la data di decorrenza dell'aggiornamento della relazione di corrispondenza tra UdB e PdR debba coincidere con il primo giorno del mese (in analogia quanto attualmente previsto con riferimento al processo di switching), ad eccezione dei casi di attivazione o disattivazione in corso mese di un PdR;
  • la richiesta di aggiornamento della relazione di corrispondenza debba essere trasmessa dall'UdD al SII entro il giorno 10 del mese antecedente la data di decorrenza;
  • l'UdB abbia la possibilità di dissociarsi dai PdR per i quali è presente una relazione di corrispondenza e di confermare - o meno - una relazione di corrispondenza proposta dall'UdD attraverso il SII;
  • il SII, per ciascuna richiesta di associazione dell'UdB ad un PdR, verifichi che la capacità di trasporto convenzionale complessiva risultante dall'associazione del PdR all'UdB non ecceda il limite di capacità consentita all'utente in relazione alle garanzie presentate. Con successivo provvedimento, l'Autorità definirà tutte le disposizioni di dettaglio funzionali a consentire tale verifica;
  • transitoriamente fino all'implementazione del processo di verifica sul limite di capacità di cui al precedente alinea, il SII e il Responsabile del Bilanciamento definiscano gli scambi informativi automatizzati funzionali a consentire al SII di verificare l'associabilità dell'utente del bilanciamento al punto di riconsegna;
  • in caso di assenza di una relazione di corrispondenza valida, il SII comunichi le informazioni relative al PdR al Responsabile del Bilanciamento e alle altre imprese di trasporto ai fini dell'attivazione del servizio di default trasporto a partire dal primo giorno del mese successivo, o dalla data di decorrenza dell'attivazione del PdR, in caso di nuova attivazione;
  • in caso di attivazione del servizio di default trasporto per assenza di una relazione di corrispondenza, vengano applicate disposizioni analoghe a quanto previsto nei casi di risoluzione anticipata del contratto di trasporto: qualora l'UdD non individui un nuovo UdB, l'impresa di distribuzione risolve anticipatamente il contratto di distribuzione per perdita dei requisiti dell'accesso e il SII attiva i servizi di ultima istanza.

Con riferimento alle modalità di implementazione del processo di aggiornamento della relazione di corrispondenza tra UdB e PdR il provvedimento prevede:

  • una fase di primo popolamento dell'informazione relativa all'UdB abbinato al PdR, senza effetti sulle attività di settlement, da effettuarsi nel mese di ottobre 2019;
  • l'applicazione in via sperimentale, senza effetti sulle attività di settlement, delle disposizioni funzionali all'aggiornamento della relazione di corrispondenza tra UdB e PdR, da effettuarsi nel mese di novembre 2019;
  • l'applicazione in via definita delle disposizioni funzionali all'aggiornamento della relazione di corrispondenza tra UdB e PdR, da effettuarsi nel mese di dicembre 2019, con effetti sulle attività di settlement a decorrere dall'1 gennaio 2020.

 

Infine, le modifiche con riferimento all'attivazione dei servizi di ultima istanza (a seguito dell'attivazione del fornitore transitorio del servizio di default trasporto per assenza di una relazione di corrispondenza) trovano applicazione a decorrere dall'1 gennaio 2020.

 

 

 

 

La scheda ha carattere divulgativo e non provvedimentale